istituz ue            istituz mipaaf            istituz cal               istituz fep

“Investiamo per un’attività di pesca sostenibile”.

Il Dentice

dentice        

Nome scientifico:

Dentex (Linteo, 1758).

Nomi dialettali:

Dental, Tental, Dentale, Dintale, Tentatu, Dottu, Etere, Tantale, Dentexu, Dotto, Lentici, Dentul.

en Common dentex

Zona di cattura preminente:

Palmi, Scilla, Cannitello.


Il corpo è ovale, alto e compatto, persino tozzo negli esemplari adulti. La testa è grossa e possente, la fronte è curva e il profilo quasi ripido. Gli occhi sono piccoli e situati in alto, sul capo. Lo sguardo è severo, l’espressione feroce. La bocca è grande e armata con denti aguzzi; nella parte anteriore di entrambe le mascelle ne spuntano quattro o sei, a seconda dei casi, lunghi e ben sviluppati; gli altri invece sono più corti. La pinna dorsale è lunga e la parte anteriore è dotata di aculei spinosi. La coda è possente, tipica del nuotatore di razza, ed è a forma di mezza luna. Le pinne pettorali sono strette e lunghe. Il colore di fondo è quello dell’argento. Negli individui giovani, fino a qualche chilogrammo di peso, il dorso è blu e può essere più o meno intenso; i fianchi sono argentei e percorsi da quattro o cinque bande verticali scure. Una miriade di piccole macchie azzurre cangianti è disseminata ovunque, ma soprattutto lungo i fianchi. Subito dopo la morte del pesce, queste macchie scompaiono, dissolvendosi senza lasciar tracce. Le pinne pettorali sfumano in un bel colore rosa. Gli esemplari più grandi perdono la gradazione blu e diventano di un colore rosso pallido uniformemente distribuito. Il Dentice può superare il metro di lunghezza e i dieci chili di peso. E un predatore vorace che si nutre di pesci più piccoli e di
 
cefalopodi, che assale con particolare ferocia.

Dove vive:

Il Dentice è comune nel Mediterraneo e nell’Atlantico orientale dal Senegal al Golfo di Biscaglia, anche se qualche volta arriva fino alle coste meridionali della Gran Bretagna. Predilige le acque profonde, ma non supera i duecento metri. E, pure quando in primavera si avvicina alla costa non sale, se non molto raramente, al di sopra dei dieci metri.

Come si pesca:

Pesca dentice traina, vertical jigging dentice, rock fishing dentice, inchiku dentice. Discrete quantità di dentice vengono catturate in mare lungo tutte le nostre coste con reti da posta, nasse e con lenze da fondo; raramente viene pescato con reti a strascico. E’ una preda ambita dai pescatori subacquei. Si tenta, finora solo a livello sperimentale, di allevare il dentice in Italia. Dai primi ottobre fino a marzo (ottimo), da marzo fino a ottobre (discreto).


Previsioni meteo

Area Mobile

ittimobile

avaibleappstore  

Gallery

Powered by RTI IttiCal