istituz ue            istituz mipaaf            istituz cal               istituz fep

“Investiamo per un’attività di pesca sostenibile”.

perlatirr      bormas                      cal

  

costadei  costihera

 

stretto  pallino medioionio
HomeI GACPresentazione dei GAC

Presentazione dei Gruppi d’Azione Costiera in Calabria 

f1 Il Regolamento FEP, per il periodo 2007-2013, prevede uno specifico “Asse prioritario 4” per lo sviluppo sostenibile delle zone di pesca, del tutto innovativo rispetto alla precedente programmazione comunitaria nello stesso settore. Le zone costiere, estese per circa il 10% del territorio europeo, presentano numerose problematiche, dovute da una parte, alla regressione e alla crisi delle attività tradizionali legate alla pesca e, dall’altra, ai numerosi e nuovi insediamenti residenziali e/o ricreativi. L’Unione Europea intende, perciò, intervenire per garantire l’integrazione tra queste due differenti realtà, nel rispetto delle esigenze ambientali. In Calabria, gli investimenti relativi all’asse IV del Fep, sono stati elevati sino al ragguardevole livello di 17,2 milioni di Euro, con una quota di finanziamento pubblico pari a 12 milioni di Euro. Dal punto di vista territoriale, la ripartizione dei Gruppi di Azione Costiera calabresi, risulta essere omogenea e risponde ai requisiti indicati dal Programma Operativo Italiano. Nello specifico, l’Asse prioritario IV conta sul diretto coinvolgimento delle realtà costiere locali, attraverso l’operato dei GAC, quali espressione di un territorio omogeneo, in termini di risorse umane, finanziarie ed economiche, con una massa critica sufficiente a sostenere una strategia di sviluppo per una determinata zona interessata dalla pesca. I Gruppi di Azione Costiera nascono dal partenariato tra soggetti pubblici rappresentativi del territorio, organizzazioni di produttori della pesca, soggetti privati singoli o associati, imprese di acquacoltura e di trasformazione, operatori economici in attività riguardanti la fascia costiera di interesse.

 

Il GAC, nella logica intersettoriale di sviluppo locale, è uno strumento che nasce per fare squadra, senza escludere nessun soggetto pronto a dare il suo contributo di esperienze e professionalità. La costituzione di Gruppi d’Azione Costiera, si mostra largamente recepita da parte dei proponenti: i sei Gruppi di Azione Costiera in Calabria rappresentano una quota importante dei GAC, sinora approvati a Livello Nazionale (n. 43). Difatti, la tempestiva e piena operatività dei GAC risponde alle esigenze e priorità cruciali, con lo scopo di superare la crisi della filiera ittica calabrese, in quanto strumenti strategici per lo sviluppo locale. L’Asse IV Fep prevede, infatti, l’attuazione di Misure per lo sviluppo sostenibile delle zone di pesca che mirano a:

  • rafforzare la prosperità economica e sociale delle aree costiere e aggiungere valore ai prodotti della pesca e dell’acquacoltura;
  • preservare ed incrementare l’occupazione sostenendo la diversificazione connessa ai mutamenti in atto nel settore ittico;
  • promuovere la qualità dell’ambiente costiero.

Si riscontra, in generale, una netta differenziazione delle strategie complessive elaborate dai Gruppi: tale diversificazione riguarda la scelta estremamente variegata tra le varie Misure, nonché l’incidenza degli interventi a carattere strutturale sul territorio, in rapporto a quelli a carattere più strettamente immateriale e promozionale.



Schede GAC

 

Previsioni meteo

Area Mobile

ittimobile

avaibleappstore  

Gallery

Powered by RTI IttiCal