istituz ue            istituz mipaaf            istituz cal               istituz fep

“Investiamo per un’attività di pesca sostenibile”.

HomeI GACMedio Ionio

Il Territorio

Il territorio del Gac Medio Ionio comprende tutti i comuni della provincia di Catanzaro che si affacciano sulla costa ionica. E’, quindi, delimitato a nord dai confini amministrativi del comune di Belcastro e, a sud, da quelli del Comune di Guarda Valle, per una lunghezza della linea di costa di circa 73 km.

Presenta una superficie complessiva pari a circa 1660 kmq.  I comuni coinvolti sono:

Belcastro, Botricello, Cropani, Sellia Marina, Simeri Crichi, Catanzaro Lido, Borgia, Squillace, Stalettì, Montauro, Montepaone, Soverato, Satriano, Davoli, San Sostene, S.Andrea Apostolo, Isca sullo Jonio, Badolato, Santa Caterina dello Jonio, Guardavalle.

 

mappa medionio

 

Quest’area presenta alcune caratteristiche di debolezza e di criticità che nel tempo ne condizionano le prospettive di sviluppo, con particolare riferimento al settore specifico della pesca e a quelle a esso direttamente o indirettamente connessi. Gli elementi di maggiore rilevanza sui quali il piano di sviluppo locale Medio Ionio intende intervenire riguardano

 
 l’utilizzo e la tutela del patrimonio ambientale e culturale del territorio, l’organizzazione e gestione della filiera produttiva della pesca, le debolezze strutturali sul piano dell’impresa e dell’economia produttiva di settore, l’insufficienza e sostanziale episodicità del turismo rispetto alla sua capacità di rappresentare uno dei pilastri dell’economia locale.

L’area del medio ionio della provincia di Catanzaro si configura, quindi,  come un contesto caratterizzato da non facili condizioni economico-sociali e da contraddizioni, con aree privilegiate rispetto ad altre, ma  con un patrimonio notevole sia dal punto di vista storico-ambientale che della cultura della piccola pesca.

Dal punto di vista delle potenzialità che emergono, quelle di più legate alle criticità descritte, si segnala l’elevata qualità, tipicità e tradizione di molti prodotti del mare, così come una grande tradizione nella trasformazione; il riferimento è, in particolare, alla varietà del pescato, che ha condotto a processi di consumo nell’ambito delle comunità locali attraverso l’accostamento diverso nelle ricette storiche e la decisa aderenza alla stagionalità delle catture in mare.

Di particolare rilevanza è il patrimonio storico-ambientale del territorio costiero, certamente per gli aspetti generali, ma - per ciò che interessa – soprattutto sull’attività tradizionale della pesca.

Sul settore ittico, le attività della pesca nell’area sono ancora sufficientemente vive, pur se ‘compresse’ e limitate dal punto di vista spaziale. Sono numerosi gli operatori che continuano con forza e convinzione il loro mestiere sul mare. Questa realtà è accompagnata dall’alto livello di scolarizzazione dei giovani nell’area, alcuni dei quali mostrano una tendenza a riaccostarsi al settore.

Gli addetti alla pesca sono circa 103 e 408 quelli dell’indotto; su un totale di 19.024 occupati il 2,69% sono addetti alla pesca. 


Il Partenariato

Responsabile partner o soggetto responsabile legale

Gal Valle del Crocchio, Cropani

Gal Serre Calabresi, Chiaravalle Centrale

 

Sito Web: http://www.gacmedioionio.it/

Attori chiave/organizzazioni del partenariato

Enti pubblici

Comuni di: Belcastro, Botricello, Cropani, Sellia Marina, Simeri Crichi, Catanzaro, Borgia, Squillace, Stalett^, Montauro, Montepaone, Soverato, Satriano, Davoli, San Sostene, S. Andrea Apostolo dello Ionio, Isca sullo Ionio, Badolato, S. Caterina dello Ionio, Guardavalle, Amm.ne Provinciale di Catanzaro

Settore ittico

4 cooperative di pescatori che rappresentano 150 pescatori professionisti (Coop. “Stella del Mare”, Soc. coop. “Rosa dei Venti”, Società cooperativa a m.p. “Nettuno” Soc. Coop. Pescatori Catanzaro Lido);

1 pescatore professionale singolo Geracitano Antonio di Guardavalle;

1 impianto di acquacoltura Mare Azzurro soc. agric. S.r.l. di S, Andrea Apostolo dello Ionio;

7 Associazioni del settore: ANAPI Pesca, Associazione Nazionale Piccoli Imprenditori della pesca, AGC Agrital Calabria, Federazione Italiana Pesca sportiva e attività subacquee, Federazione nazinoale delle imprese di pesca, Lega Pesca, Unci Calabria, Poseidon.

Settore sociale, economico ed ambientale

2 Agenzie di Sviluppo Locale: Gal Serre Calabresi, Gal Valle del Crocchio;

2 Agenzie formative: Canforpa e Servizi e Formazione soc. coop.;

3 Operatori turistici: ATC srl, Sma srl, Agritur Fassi

2 Associazioni Culturale e Turistiche: Arca e Proloco Soverato;

1 operatore della cantieristica: SEAL Marine

2 operatori del commercio: Ristorante Ricchezze del Mare e Fish-surgelati;

La società di gestione del Porto Turistico Le bocche di Gallipari (Salteg srl)

Il Parco Marino la Baia dell’Ippocampo di Soverato

Il PSL

Obiettivi e Piano Finanziario

La definizione della strategia d’intervento si basa su un approccio integrato quale opportunità per rendere maggiormente dinamiche le zone costiere, nella misura in cui favorisce un maggiore coinvolgimento degli enti territoriali ed il coordinamento fra i diversi stakeholders, integra le competenze locali interne ed esterne al settore, contribuisce ad una maggiore competitività.

Il GAC Medio Ionio intende innescare processi virtuosi di sviluppo locale duraturi e sostenibili attraverso la realizzazione d’interventi nella filiera della pesca e dell’acquacoltura che riducano le problematiche connesse alle attività ittiche di quest’area, sulla scia di azioni già condotte con successo nell’ambito di un piano integrato di settore.

La strategia che sottende il programma di attività si basa sulla formulazione di un’idea forza legata alla volontà innanzitutto di rafforzare l’attività centrale della pesca nell’area, attraverso la valorizzazione del prodotto, il recupero della cultura d’uso di un pescato vario, di piccola taglia.

L’obiettivo generale riguarda, per come detto, il rafforzamento, la strutturazione e l’organizzazione dell’attività nell’area di riferimento, rivolgendo la massima attenzione agli aspetti della qualità della produzione e del collegamento con il mercato locale, inteso nei suoi connotati d’integrazione con il sistema del turismo rurale del territorio della Valle del Crocchio e delle Serre Calabresi.

Gli obiettivi specifici in cui si articola la finalità generale, sono quattro, strettamente legati alle criticità e potenzialità messe in evidenza:

  • strutturare, organizzare, qualificare il mercato nell’area di riferimento, in termini di nuove opportunità per la vendita del prodotto e di differenziazione delle attività attraverso l’integrazione con l’offerta al turismo lento, ambientale, culturale, in ambito rurale;
  • rafforzare il sistema degli approdi e dei servizi nell’area, in termini di impianti, punti di sbarco, imbarcazioni, manufatti, spazi; 
  • valorizzare l’ambiente storico del territorio costiero e gli insediamenti antichi legati al mare, compreso le attività e gli eventi tradizionali della cultura dei pescatori;
  • apprendere buone pratiche di sviluppo integrate delle attività della pesca, mettendo in relazione l’area con altre realtà europee e avviando forme di scambio di esperienze in maniera strutturata; 
 

A tali obiettivi se ne aggiungono altri due, strumentali e collegati a quelli elencati: 

  • costruire un programma di promozione del settore, per gli aspetti della qualità delle produzioni, per l’offerta gastronomica, per il turismo ambientale e rurale, per il recupero della storia della pesca nelle comunità comprese nell’area;
  • operare attraverso l’esperienza ricca dei gruppi di azione locale maturi, per procedere mediante sistemi di partecipazione attiva e di integrazione fra pubblico e privato, i soli in grado di garantire l’efficacia dei risultati.

Le azioni previste nel presente PSL mirano, partendo dall’analisi puntuale delle debolezze significative rappresentate e dalla valutazione obiettiva delle potenzialità rilevate, ad attivare processi di rafforzamento del settore della pesca con l’obiettivo generale di avviare un modello di sviluppo integrato finalizzato alla crescita del comparto ed alla valorizzazione delle attività dei pescatori.

Dall’analisi comparate delle Misure prescelte per l’elaborazione del PSL risulta quanto segue:

 

grafico medio ionio

 

La strategia che il PSL definisce per il perseguimento degli obiettivi posti, è  delineata in considerazione del complessivo processo di crescita dell’area delle Serre Calabresi e della Valle del Crocchio, che il sistema di governance locale, in parte guidato dai Gal, ha intrapreso finora cercando di integrare i diversi programmi e progetti di derivazione regionale, nazionale e comunitaria. In altre parole, il PSL è disegnato per coprire il proprio spazio nel mosaico della programmazione territoriale per lo sviluppo, naturalmente per ciò che concerne gli aspetti della fascia costiera e del settore della pesca.

La coerenza delle risorse finanziare rispetto agli obiettivi prefissati è data in primo luogo dal peso finanziario che il Piano ha individuato, come mostra la tabella che segue.


 

 

Importo complessivo

Quota pubblica

Quota privata

Risorse a bando*

in % sul PSL

Misura 4.1
Prodotti e Servizi

 € 265.000,000

 € 159.000,00

 € 106.000,00

 €159.000,00

100%

Misura 4.2
Qualità della vita /diversificazione

 € 650.000,00

 € 455.406,00

 € 194.594,00

 €455.406,00

 

 

100%

Misura 4.3 Valorizzazione e gestione fascia costiera

 € 697.000,00

 € 517.593,00

 €179.406,00

 € 517.593,00

100%

Misura 4.4 Promozione della cooperazione

 € 208.000,00

 € 208.000,00

 € -

 

 

Misura 4.5 Formazione, Assistenza tecnica e divulgazione

 € 156.000,00

 € 156.000,00

 

 

 

Misura 4.6
Gestione dei gruppi

 € 104.000,00

 € 104.000,00

 

 

%

TOTALE PSL

 € 2.080.000,00

 € 1.600.000,00

 € 480.000,00

 € 816.000,00

 

      * Risorse finora impiegate tramite bando al 12/03/2014.

 

Le Attività proposte

Previsioni meteo

Area Mobile

ittimobile

avaibleappstore  

Gallery

Powered by RTI IttiCal